Il colpo di fulmine è stato 13 anni fa, mentre stavo facendo la spesa al mercato con mio figlio in carrozzina (gli insulti x l’ingombro della medesima erano + contenuti di quanto succeda ora con la bici…). Parcheggio di fianco al banchetto e ascolto il venditore che si agita decantando le magnificenze dell’attrezzo affettando carote e zucchine ad una velocità impressionante. Costava un po’ e mi chiedevo se fosse una bufala o un utensile geniale, poi un signore di fianco mi dice con un sorriso “Funziona veramente, io ce l’ho da 7 anni”. Così acquisto la mia prima mandolina sperando in bene…

mandolina

Eccola qui, porta i segni del tempo ma è ancora perfettamente funzionante. In tutti questi anni mi ha seguita ovunque: in studio x i servizi fotografici, al mare, in montagna… (certo, ci sono anche quelle professionali in acciaio che sono fantastiche, ma molto care e pesanti, purtroppo).

Temendo che prima o poi potesse rompersi (attenzione perché dà dipendenza…) l’ho cercata in rete e ho comprato il nuovo modello, però negli anni la qualità è molto peggiorata e non ve la consiglio.

Invece qualche settimana fa ho provato un’altra mandolina con le lame a V, per me le migliori, che affetta sottilissimo (ma niente tagli a fiammifero, peccato!) E’ di Microplane, un’azienda americana famosa per le sue grattugie incredibili (utilizzano una speciale tecnica di lavorazione dell’acciaio) e  si trova facilmente.

Chiudo con 3 consigli per mandoline (e dita) longeve:

a) usate il “carrello”, quell’aggeggio con gli spunzoni per bloccare la verdura e non affettarsi anche le dita (io un paio di volte una “fettina” ce l’ho lasciata…)

b) anche se può andare in lavastoviglie lavatela a mano, è un attimo e le allunga la vita

c) se volete che le lame restino affilate usatela solo per verdura e frutta, non tagliateci nient’altro

anzi 4:

d) pensateci bene prima di prestarla! una volta un mio collega me l’ha chiesta un attimo per affettare delle zucchine per una foto, si è tagliato e per l’arrabbiatura l’ha volata in aria.  Per fortuna non si è rotta, altrimenti… ;-)

©foto mie

Share_on

Un pensiero riguardo “La mia Mandolina Vintage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x