L’altro giorno al mercato c’era il Radicchio Rosa di Verona, che oltre a sembrare un fiore [per me più una peonia che una rosa] è anche buonissimo. E veicola un messaggio positivo, “Think Pink”.

Inoltre è rimineralizzante, ricco di vitamina C e di antiossidanti.

E’ croccante. Il suo sapore delicato, lievemente amarognolo, lo rende un’insalata invernale dal gusto definito. E’ attraente per forma e colore, un protagonista che non ha bisogno di molti ingredienti per diventare un contorno gustoso, ma che può anche essere un’ottima base per un’insalata più complessa. 

Radicchio Rosa di Verona | ©foto Sandra Longinotti

Questa Insalata al Radicchio Rosa ha solo 3 ingredienti ed è pronta in pochi minuti. In fondo alla ricetta trovi anche 3 varianti, tutte velocissime.

Think Pink, l’Insalata al Radicchio Rosa

per 4 persone

3 cespi di radicchio Rosa di Verona

2 cipollotti di Tropea

4 ravanelli

aceto di lamponi

sale rosa dell’Himalaya

olio evo

  1. Elimina la radice del radicchio, stacca le foglie e strappa con le mani quelle più grandi. Scarta le radici e il primo velo dei cipollotti, incidili in 4 nel senso della lunghezza e affettali. Trita grossolanamente i ravanelli privati della radichetta. Mescola tutto.
  2. Sciogli mezzo cucchiaino da caffè di sale rosa in un cucchiaio di aceto di lamponi ed emulsionalo con 4 cucchiai di olio evo. Condisci l’insalata appena prima di servirla.

1 VARIANTE: restando sul tema del rosa invernale aggiungi 2 cucchiai di chicchi di melagrana.

2 VARIANTE: aggiungi 2 carote tagliate a julienne utilizzando un pelaverdure, 20 pomodorini ciliegia gialli divisi a metà, 1 cespo di insalata Salanova verde e 8 uova di quaglia sode tagliate a metà (per rassodarle cuocile in acqua fredda per 2 minuti dall’ebollizione). Sostituisci l’aceto di lamponi con aceto di vino rosé.

3 VARIANTE: aggiungi una scatoletta da 125g di filetti di sgombro sott’olio sgocciolati e spezzettati, 20 pomodori datterini tagliati a metà, 2 gambi di sedano affettati, un mazzetto di rucola e 40 g di spinacini novelli. Sostituisci l’aceto di lamponi con aceto di pere.

Insalata al Radicchio Rosa | ©foto Sandra Longinotti

Props | Officinando sottopiatto Orient in acciaio spazzolato serigrafato

©foto Sandra Longinotti

Radicchio Rosa di Verona | ©foto Sandra Longinotti
Share_on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

x

Limoncello fatto in casa

Ringrazio nuovamente mia cugina Anita per avermi dato questa ricetta. E la mia amica Laura che la primavera scorsa mi ha regalato dei limoni liguri profumatissimi. Il mio primo limoncello fatto in casa è nato così, nel migliore dei modi. L’importante è utilizzare frutti freschi non trattati, gli altri ingredienti si trovano al supermercato. Il […]

Scopri di più

senza glutine Legù

Capita a volte che un problema personale si trasformi in un’ottima idea. Come il progetto Legù, nato proprio così: la sua ideatrice e fondatrice Monica Neri ha sofferto di diabete in gravidanza, e dovendo rinunciare ad alcuni alimenti ha trovato il modo di sostituirli, anche grazie a uno studio di due Università, una di Milano […]

Scopri di più

Mortadella Pratese al Tartufo

La storia della Macelleria Mannori inizia negli anni ’50 con l’apertura della macelleria salumificio da parte del nonno, che da tempo affiancava il padre nell’allevamento e commercio di bestiame. Con il successivo ingresso dei figli l’attività si è ampliata e diversificata in macelleria e salumificio e adesso, alla quarta generazione, ci sono Sue Ellen Mannori […]

Scopri di più

x